Guida all’utilizzo dei gonfiabili pubblicitari usati in modo professionale.

I gonfiabili pubblicitari vengono sempre più utilizzati per eventi di tipologie diverse quali fiere, mostre, eventi sportivi e tante altre manifestazioni; la loro estrema diffusione è dovuta sia al fatto che sono piuttosto rapidi ma montare e smontare, hanno prezzi contenuti e garantiscono elevati livelli di personalizzazione per quanto riguarda forme, dimensioni e colori. Inoltre, possono essere posizionati all’interno di un magazzino senza occupare tanto spazio una volta che verranno sgonfiati dopo l’utilizzo.

Altro aspetto che li rende così utilizzati è anche il fatto che possono essere sia noleggiati che acquistati a seconda della frequenza di utilizzo che si vuole fare.

Dal punto di vista tecnico strutture quali stand, gazebo, sky dancer, gonfiabili-pubblicitari, etc, vengono realizzati in PVC e all’interno sono presenti delle camere d’aria; all’esterno invece si trovano dei punti d’ispezione che hanno il compito di far uscire l’aria. Per poter funzionare necessitano di un motore che può avere potenza variabile a seconda delle dimensioni e della tipologia di gonfiabile che si vuole utilizzare: per i gonfiabili di grandi dimensioni di solito sono necessari 2 motori.

Per poter installare un gonfiabile è necessario prima di tutto avere a disposizione uno spazio sufficiente a seconda delle dimensioni dello stesso e anche di una presa di corrente per potervi attaccare il motore (che deve sempre rimanere acceso quando il gonfiabile è in funzione).

In molti casi è anche meglio avere un telo da posizionare sotto alla struttura in modo che non si rischi di rovinare la parte di sotto del gonfiabile stesso.

Per montarlo bisogna, dopo averlo tolto dalla sacca che viene utilizzata per il trasporto, srotolarlo sul telo presente sullo spazio a disposizione e attaccarvi il motore per procedere al gonfiamento; una volta gonfiato andrà ancorato a terra tramite dei ganci che andranno legati ai picchetti.

Per procedere invece allo smontaggio della struttura bisognerà aprire le varie cerniere e camminarci sopra per cercare di far uscire l’aria nel modo più veloce possibile; dopo averlo sgonfiato si potrà procedere ad arrotolarlo per rimetterlo dentro alla sacca che verrà poi utilizzata per trasportarlo.

Per sapere bene tutte le normative che regolano l’utilizzo di queste strutture è sempre bene affidarsi al partner che realizzerà la struttura in modo che possa assistervi dandovi tutte le indicazioni corrette e non rischiate di incorrere in multe dovute al fatto che avete trascurato qualche aspetto.

Affidarsi a partner selezionati e presenti sul mercato da anni è di estrema importanza sia per avere un prodotto di qualità che per avere un supporto per quanto riguarda la realizzazione della struttura stessa; ancora meglio se troverete un partner che abbia già esperienza per lavori svolti nel vostro settore. Prima di procedere a scegliere un partner fatevi fare diversi preventivi e scegliete il partner che vi sembrerà più affidabile verificando anche gli anni di presenza sul mercato e i lavori svolti in precedenza.

Per quanto riguarda i costi sono piuttosto contenuti soprattutto se paragonati a quelli di strutture realizzate con materiali tradizionali quali legno, acciaio, etc: chiaramente i costi dipendono anche dalle dimensioni della struttura e dal livello di customizzazione che richiederete. Anche i costi di trasporto e forza lavoro necessaria per implementarli sono piuttosto bassi in quanto occupano poco spazio se sgonfiati e richiedono poche persone per le attività di gonfiaggio e sgonfiaggio della struttura.

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.