Le 8 regole d’oro per arredare gli spazi esterni

È quasi tempo per rivivere gli spazi aperti, ripensare i propri ambienti esterni e, magari arredarli in modo da renderli fruibili quasi tutto l’anno. Vivere open air non è solo un vezzo, per molti è uno stile di abitare la casa, un mezzo per essere sempre connessi con tutto l’ambiente e renderlo parte integrante dell’abitazione, stagione dopo stagione.

L’arredamento, in questi casi, è indispensabile e va scelto affinché esalti il rapporto duale uomo-natura. Che si tratti di un giardino, di una terrazza o di un balcone, gli arredi possono fare la differenza tra la vivibilità e il semplice “sostare”.

Quali elementi scegliere per armonizzare l’esterno all’interno o per creare un effetto contrasto che esalti entrambi gli spazi? Le idee possono essere tante, ma vanno selezionate con gusto per rendere giustizia alle dimensioni del luogo da arredare.

Per farlo basta seguire 8 semplici regole che facilitano la vita a chi si trovi dinanzi al proprio giardino con tanta voglia di abitarlo senza sapere da che parte iniziare per farlo. Il perno da cui partire è, sicuramente la zona intrattenimento, ovvero laddove si possa pranzare, cenare, con gli amici, in famiglia, fare quattro chiacchiere, insomma il tavolo da giardino de Maisons du Monde e le sedie o poltroncine per essere ancora più comodi!

Elenchiamo le 8 regole fondamentali per creare un piacevole spazio esterno:

  1. analizzare gli spazi per valutare la collocazione dei mobili e misurarli con precisione;
  2. scegliere materiali resistenti agli agenti atmosferici, che non patiscano alte e basse temperature;
  3. disporre una buona copertura dell’ambiente pranzo all’aperto con tendaggi, ombrellone, etc. in modo da proteggersi anche dall’umidità serale e dalla pioggia;
  4. illuminare in modo sensato, soprattutto la zona di intrattenimento che ospita tavolo e sedie. Luce viva, direzionabile e, magari anche piccoli fili di led per creare atmosfera;
  5. in mancanza di prato, usare vasi alti in modo da godersi le piante anche ad un’altezza adatta agli arredi e scegliere vasi in sospensione con piante a cascata;
  6. per maggior privacy, optare per sostegni d’arredo per piante rampicanti che fungano anche da separé;
  7. aggiungere il proprio tocco con piccoli oggetti, portacandele, quadretti alle pareti, cuscini;
  8. inserire un piccolo sistema per l’irrigazione.

Nel caso in cui il giardino sia spazioso, si può prevedere anche un’area giochi per bimbi, realizzata in sicurezza, accogliente e con contenitori dove riporre i giocattoli da lasciare all’esterno. A questo punto, non resta che scegliere i propri arredi in base a gusti e stile personali.

Voglia di salotto all’aperto? Ecco come crearlo con i colori giusti

Voglia di salotto all’aperto? Per realizzarlo non sempre è necessario avere un portafoglio ben pieno, basta scegliere con oculatezza i propri arredi senza svenarsi. A far la differenza non è solo la posizione del mobilio, sedie, tavolo, poltroncine, piante, ma anche e soprattutto i colori scelti. Chi si sente in vena romantica può optare per effetti cromatici naturali, molto tenui e delicati, ad esempio che ricordino la canapa da coniugare al bianco e a toni rosati leggeri.

Materiali quali il legno o il ferro battuto dalle forme tondeggianti, morbide, smussate, si sposano perfettamente con colori pastello o tessuti fiorati da usare come elemento ricorrente nei tendaggi e nei cuscini. I cuscini arredano molto più di quanto non si pensi e hanno l’indubbio vantaggio di poter essere sfoderati, lavati o sostituiti in qualsiasi momento per cambiare un po’ l’ambiente. L’importante è che sia tutto a prova di meteo, quindi robusto, lavabile e non deteriorabile facilmente. Se, durante una serata d’estate, si desidera illuminare con candele per rendere l’atmosfera rilassante, magica, è bene ritirarle, una volta spente, all’interno per evitare che il giorno dopo, in pieno sole e con la calura estiva, si sciolgano.

Come arredare un piccolo terrazzino senza “imprigionarsi”

Come arredare un piccolo terrazzino, un balconcino in città, senza restare incastrati tra gli arredi e non potersi più muovere? Un ambiente di ridotte dimensioni può trasformarsi in un delizioso angolino open air. Servono le soluzioni più adatte e minimal. Vediamo quali. Deciso lo stile, ecco cosa fare:

  • dipingere le pareti (se possibile) con colori chiari e lavabili (l’effetto ottico risulta più grande);
  • disporre una pedana in legno resistente sul pavimento oppure un bel tappeto grande;
  • arredare con vasi in sospensione e da parete in modo da evitare ingombri;
  • sistemare tendaggi per garantirsi la privacy agognata;
  • optare per tavolo e sedie pieghevoli in modo da riporli quando non necessari;
  • usare mensole da parete per aggiungere oggetti d’arredo o quadri;
  • disporre l’illuminazione in modo da esaltare gli spazi, quindi luci chiare e forti (da regolare al bisogno).

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *